Settelacquare, i box del mercato devastati dall'incendio

A fuoco otto dei 48 box del mercato di Settelacquare, destinati dall’ammministrazione comunale ai commercianti che intende sfrattare da piazza Libertini. Box privi ancora dell’allaccio alla rete elettrica. E per questo, ed anche per le tensioni ed il muro contro muro creatosi fra Palazzo Carafa e gli ambulanti a ridosso delle mura ristrutturate del castello Carlo V, si teme che si sia trattato di un attentato. Per mano di chi potrebbe aver inteso lanciare un segnale violento all’amministrazione del sindaco Carlo Salvemini. Piuttosto che unirsi all’annunciato ricorso al Tar. O alle manifestazioni di piazza. Come anche alla dialettica politica.
Si sospetta il dolo per almeno per altre due ragioni: martedì scorso è stata approvata la delibera di Giunta sul ripristino di quei box e la riqualificazione di piazza Libertini. E nella giornata di ieri è iniziato il montaggio dei cancelli per impedire che venissero occupati abusivamente o vandalizzati. Proprio accanto ai locali andati distrutti dalle fiamme, era stata installata l’inferriata laterale. 
Intanto questa mattina in alcuni post sui social il sindaco Carlo Salvemini è stato preso di mira da alcuni utenti con minacce e critiche pesanti.