Corona in tribunale, il pg chiede la revoca dell'affido

La Procura generale di Milano ha chiesto in udienza ai giudici della Sorveglianza che venga revocato l'affidamento terapeutico a Fabrizio Corona e che, dunque, torni in carcere a scontare la pena. In aula, da quanto si è saputo, l'Avvocato generale Nunzia Gatto, "numero due" della Procura generale, ha ricostruito tutte le violazioni che Corona avrebbe commesso parlando anche delle sue «ospitate rissose» in tv e mostrando nell'udienza di quasi 5 ore anche lo «scontro» al GfVip con Ilary Blasi. I giudici si riservano di decidere.

L'Avvocato generale Nunzia Gatto ha chiesto ai giudici della Sorveglianza (presidente Giovanna Di Rosa, relatore Simone Luerti) di revocare l'affidamento terapeutico provvisorio concesso all'ex "re dei paparazzi" il 21 febbraio, quando era uscito di nuovo dal carcere dopo esserci tornato nell'autunno 2016. Per la Procura generale, che già l'1 marzo aveva chiesto la revoca, a Corona non può essere concesso l'affidamento terapeutico "definitivo", come chiede la sua difesa (tra i legali Antonella Calcaterra), e gli va anche revocato quello provvisorio a partire da febbraio e, dunque, dovrebbe scontare di nuovo anche gli ultimi 9 mesi in carcere. Il pg Gatto nell'udienza a porte chiuse (anche Corona ha parlato in aula e poi se ne è andato dribblando i cronisti) ha elencato, una per una, tutte le violazioni delle prescrizioni che l'ex "fotografo dei vip" avrebbe compiuto, soprattutto dopo l'udienza del giugno scorso, quando i giudici decisero di prendere tempo prima di decidere sulla conferma o meno dell'affidamento e fissarono la nuova udienza di oggi.