Ginosa, imprenditore e caporale arrestati:
braccianti costretti a turni di 17 ore

GINOSA - In carcere un imprenditore agricolo e il suo fidato "caporale". Con l'accusa di aver sfruttato 35 braccianti agricoli di nazionalità rumena, costretti anche a turni massacranti di 17 ore per una paga pattuita di 4 euro all'ora, da cui sottrarre ogni spesa, dal trasporto al vitto, fino all'alloggio in una struttura fatiscente. Ai lavoratori restavano in tasca solo gli spiccioli: 1,50 l'ora per lavorare nei campi e poi dormire in uno stanzone sporchissimo e senza biancheria, dove era stato allestito una sorta di dormitorio.